Android 7.0 Nougat e cosa significa per Chrome OS

Notizia

Condividere:

Con Android 7.0 Nougat, Google sta apportando una serie di nuove funzionalità e miglioramenti al suo sistema operativo mobile. Uno dei cambiamenti più importanti è l'aggiunta del supporto per l'esecuzione di app Android su Chrome OS. Ciò significa che gli utenti potranno installare e utilizzare app Android sui propri Chromebook, fornendo loro l'accesso a una gamma più ampia di app e servizi. Si tratta di uno sviluppo significativo per Chrome OS, che finora è stato in gran parte limitato alle app basate sul Web. L'aggiunta del supporto per le app Android apre un intero nuovo mondo di possibilità per gli utenti di Chromebook e prevediamo che molti di loro passeranno all'utilizzo di Chrome OS come piattaforma principale.



Proprio ieri, Google ha ufficialmente (e letteralmente) svelato l'ultima versione di Android: ed ecco, si chiama Nougat.

Non tutti sono entusiasti del nome, ma questa è una conversazione per un'altra volta e forse un altro blog.

Ciò che è entusiasmante, tuttavia, è l'impatto complessivo che Android 7.0 avrà sulla comunità di Chrome OS. Abbiamo parlato parecchio del potenziale impatto del Google Play Store in arrivo su Chrome OS nei prossimi mesi e delle possibilità rivoluzionarie che questo presenta. E sotto il cofano, Android 7.0 in realtà non cambia molto nel modo in cui Chrome OS gestisce ed esegue le app Android. Esistono API aggiornate che aiuteranno a eseguire le app in background durante il multitasking, ma il modo in cui le app vengono installate, eseguite e distribuite in Chrome OS rimarrà in gran parte lo stesso.

Fondamentalmente, il modo in cui le app vengono gestite (dal download, installazione e utilizzo) in Chrome OS in questo momento è abbastanza simile a come verranno gestite in Android dopo che Nougat farà il suo lancio ufficiale questo autunno. Quindi, dal punto di vista del sistema operativo, non cambia molto.

Quindi c'è motivo di eccitarsi?

Così tanto! È semplicemente nel modo in cui guardi le cose.

Non ci vuole molto per notare che lo stato delle app sui tablet Android è piuttosto mediocre. E questo è bello.

Resta con me per un minuto.

Il nocciolo della questione è che Android è diventato un dominio globale principalmente attraverso i telefoni. Questo è difficile da dimostrare con le statistiche sull'utilizzo poiché la maggior parte dei numeri raccolti distingue semplicemente tra dispositivi mobili e desktop; Androide e iOS. Ma un po' di logica fa molto. Considera i numeri di vendita relativamente scarsi degli sforzi per i tablet di Google dal Nexus 7 del 2013. Nel 2013, i telefoni erano un po 'più piccoli e non invadevano lo spazio dei tablet. L'iPhone era ancora minuscolo. Il Nexus 5 era nuovo. Era un mondo diverso. Uno in cui i tablet da 7 pollici avevano senso.

Da allora, Google ha lanciato il Nexus 9 e il Pixel C, entrambi con un miscuglio di successi e fallimenti critici; nessuno dei due è un vero successo dal punto di vista delle vendite. Dai un'occhiata al grafico qui sotto.

Quasi su tutta la linea, assistiamo a un declino nel mercato dei tablet e a numeri universalmente piccoli se confrontati con le vendite di iPad di Apple (che sono anch'esse in forte calo).

Tutto questo per dire: Android è stato, fino a questo punto della storia, prima di tutto un sistema operativo per telefoni. Sebbene Google abbia reso possibile ridimensionare le app su più dimensioni dello schermo (compresi i tablet), gli sviluppatori hanno visto sempre meno motivi per utilizzarlo oltre a rendere le loro app scalabili su più dimensioni di telefono. Perché perdere tempo con un layout e un'interfaccia utente diversi per i tablet se sempre meno persone li acquistano e li utilizzano anno dopo anno? Gli sviluppatori hanno risorse limitate proprio come il resto di noi, ma un'enorme limitazione è il tempo. Il tempo speso a eliminare bug, migliorare UX e UI e stare al passo con gli aggiornamenti di Android è un bel po' da affrontare fin dall'inizio. La risorsa del tempo è semplicemente troppo preziosa per essere spesa facendo cose che pochi useranno o vedranno.

Allora perché questo è importante per Chrome OS?

Con l'arrivo del Play Store su Chrome OS, ora disponiamo di un'avvincente piattaforma per schermi di grandi dimensioni di cui gli sviluppatori possono iniziare a occuparsi. La singola statistica dei Chromebook che hanno venduto più dei Macbook nel primo trimestre del 2016 è sufficiente per dimostrare che la base di utenti di sviluppatori con schermi più grandi si sta preparando a espandersi in modo esponenziale.

Questo non ha precedenti nella vita di Android, ma il pezzo di Chrome OS/Play Store è solo una parte della storia. Con Android Nougat, telefoni e tablet vedranno app affiancate e con finestre native, abilitate per il sistema operativo. I tablet saranno in grado di sfruttare le app a schermo diviso e le finestre mobili.

Suona un po' familiare a quello che stiamo vedendo in Canale per sviluppatori di Chrome OS su Flip , non è vero?

E questo apparentemente non è un errore. In autunno, quando uscirà Android 7.0, dovremmo vedere anche Chrome OS 53 colpire il canale stabile. Quindi, in pochi mesi, gli sviluppatori dovranno considerare la loro app non solo sui telefoni, ma anche su tablet e Chromebook. Le loro app dovranno adattarsi per sfruttare non solo alcune dimensioni dello schermo impostate, ma dovranno essere in grado di esistere anche in Windows. Anche se probabilmente i telefoni non avranno la funzione finestra, useranno lo schermo diviso in più fasi, quindi le app con dimensioni fisse dovranno tutte adattarsi.

Ciò che Google ha fatto qui è davvero notevole. In sostanza, hanno fornito agli sviluppatori un'unica piattaforma per sviluppare un'unica app che funzionerà su fattori di forma desktop, tablet e telefono. Con tutto questo in atto, non riesco davvero a immaginare un ecosistema molto più attraente per gli sviluppatori di app rispetto ad Android nell'autunno del 2016.

Possiamo solo immaginare ciò che una tale piattaforma susciterà dagli sviluppatori nei prossimi mesi. Non sono sicuro di te, ma sto immaginando ogni sorta di cose. App per la produttività. Giochi. App creative. Le possibilità fanno venire l'acquolina in bocca.

È un momento emozionante, gente. E siamo entusiasti di essere qui ad aiutare a coprirlo!

Condividi Con I Tuoi Amici :