Chrome OS 83 ha risolto un problema di vecchia data con le PWA sui Chromebook

Notizia

Condividere:

Benvenuto nella mia introduzione esperta all'aggiornamento di Chrome OS 83! Questo aggiornamento ha risolto un problema di vecchia data con le PWA sui Chromebook e sono qui per raccontarti tutto. Ecco cosa devi sapere: le PWA sui Chromebook ora funzioneranno esattamente come su qualsiasi altra piattaforma. Ciò significa che sarai in grado di accedere alle tue PWA preferite senza ulteriori problemi. Chrome OS 83 include anche una serie di altri miglioramenti, tra cui un migliore supporto per display esterni e una maggiore durata della batteria. Quindi, se stavi pensando di aggiornare il tuo Chromebook, ora è il momento!



Proprio in anticipo, fammi uscire allo scoperto nel caso in cui non ti sia familiare: Le PWA (Progressive Web Apps) sono fantastiche applicazioni complete e leggere che vengono distribuite tramite il Web aperto e/o gli app store e funzionano su quasi tutti i sistemi operativi da un'unica base di codice. Sono strumenti fantastici per fornire molti tipi di applicazioni a vari dispositivi senza tutto il trambusto del codice nativo e sono di gran lunga i miei tipi preferiti di app da sfruttare su un Chromebook. Li adoro e ne sostengo lo sviluppo e la disponibilità in ogni momento come valida e solida alternativa alle applicazioni specifiche del sistema operativo, ove applicabile.

Forse d'ora in poi inizierò ad emendare quell'apertura a tutti i miei articoli PWA. Sì? No? Scherzi a parte, penso che sia importante comprendere le basi delle PWA ogni volta che ne parliamo, quindi se sei all-in sulle PWA o non le hai mai capite prima, queste applicazioni saranno una parte importante di tutta la tecnologia sfere che vanno avanti ed è importante osservare come si fanno strada nella nostra coscienza collettiva nel tempo. Più diventano avanzati, più diventano normali, più persone inizieranno a usarli davvero su base regolare con o senza saperlo.

Questo è davvero il punto debole, non è vero? Quando le PWA diventano abbastanza buone da non aver bisogno di distinguerle dalle loro controparti native; quando gli sviluppatori scelgono di sviluppare solo la singola base di codice PWA invece di lavorare sulle loro singole app per iOS, Android, Windows e MacOS; quando la PWA funziona in modo tale che gli utenti generici non siano ancora alla ricerca della 'versione reale' di un'app, abbiamo raggiunto il punto debole in cui la PWA è tutto ciò di cui hai bisogno. In alcuni casi, ci siamo già abbastanza vicini. In altri, non così tanto.

Parte del problema in tutto questo è il comportamento delle app e, su tutta la linea, questi comportamenti devono essere in linea con le aspettative degli utenti in questi giorni. Per i Chromebook, mi aspetto che le mie app vengano installate e diventino disponibili nel mio vassoio esattamente dove le ho lasciate l'ultima volta che ho effettuato l'accesso. Parte della bellezza di Chrome OS è la sincronizzazione che avviene a livello di account su tutti i Chromebook che utilizzo. Non devo eseguire costantemente il backup delle cose e dedicare molto tempo alla configurazione. Invece, voglio accedere su un Chromebook, dargli qualche minuto e mettermi al lavoro.

Per la maggior parte, questa è l'esperienza. Tuttavia, con molte delle PWA che utilizzo quotidianamente, non è stato così. Quando accedo a una nuova macchina (come revisore, lo faccio spesso), purtroppo mi sono abituato a cercare una manciata delle mie PWA per ricollegarle al mio scaffale. Alcuni di loro vengono per il giro nel mio programma di avvio delle app, altri non si reinstallano affatto e fino a questo punto non mi aspetto che nessuno di loro sia bloccato nel mio vassoio come mi aspetto che siano quando Avvio una nuova istanza di Chrome OS.

Ad esempio, gli ultimi Chromebook che ho utilizzato hanno sempre lasciato l'app Squoosh fuori dal mio vassoio. Sono diventato così abituato a questo comportamento che istintivamente vado su squoosh.app la prima volta che ho bisogno dell'app, faccio clic su Installa e ricollego l'app. A volte si presenta nel programma di avvio delle app per me, ma non sempre. Lo stesso vale per Twitter PWA, Snapdrop e Gravit Designer PWA. Mi aspetto questo comportamento dalle scorciatoie con finestra non PWA che creo per cose come WhatsApp, ma con le PWA installate desidero semplicemente un comportamento migliore e più nativo.

L'ultimo Chromebook che sto utilizzando (non posso ancora condividere quel dettaglio) è sull'ultima build stabile di Chrome OS e, guarda caso, quando ho effettuato l'accesso ieri, tutte le mie app erano esattamente dove le avevo lasciate l'ultima volta. Ognuno di loro. Le mie app Android, le mie app Web, le mie scorciatoie e le mie PWA erano tutte pronte per il mio utilizzo dopo aver effettuato l'accesso e non sono sicuro di dove sia avvenuta la modifica. Non so abbastanza del funzionamento interno di queste cose per decifrare quale sia stato il cambiamento effettivo, ma non mi interessa davvero. Quello che so è che la sincronizzazione del mio account è tornata ad essere solida come lo era prima di Android nei giorni di Chrome OS. Vale a dire che siamo tornati al punto in cui puoi accedere a un nuovo Chromebook, attendere un minuto e vedere tutte le tue app nelle posizioni corrette in cui le hai lasciate sull'ultimo dispositivo che hai utilizzato.

Lo amo così tanto. È un piccolo cambiamento, ma ho sempre apprezzato la possibilità di accedere semplicemente a un Chromebook e riprendere da dove avevo interrotto l'ultima volta. Da quando sono arrivate le app Android e ora con l'aggiunta di PWA e app Linux nel mix, ho iniziato a pensare che la sincronizzazione semplice e senza interruzioni potesse non essere più una realtà andando avanti con così tanti pezzi in movimento ora in gioco. Sembra che potremmo finalmente tornare a quell'utopia sincronizzata, e io per primo sono felice di essere tornato.

Acquista tutte le ultime offerte sui Chromebook

Condividi Con I Tuoi Amici :