Lo sviluppo su Windows dual boot per Chromebook è stato resuscitato per qualche motivo

Notizia

Condividere:

Lo sviluppo su Windows dual boot per Chromebook è stato resuscitato per qualche motivo dopo essere stato inattivo per un po'. Questa è una buona notizia per quelli di noi che vogliono avere il meglio di entrambi i mondi quando si tratta di sistemi operativi.



Per ragioni sconosciute a questo punto, c'è motivo di credere che il lavoro sullo sforzo morto da tempo per riportare in vita il dual-boot di Windows su Chrome OS sia stato riportato in vita. Avvistato da Chrome Story, c'è chiaramente del lavoro in corso su Project Campfire (la denominazione interna di Google per la configurazione dual boot che non è mai stata rilasciata al pubblico) sul battiscopa 'Eve', ovvero il Pixelbook originale.

Di seguito, elencherò i sette commit che sono apparsi da ieri e puoi decidere tu stesso cosa significano. A quanto pare, c'è chiaramente del lavoro in corso per aggiungere alcuni elementi hardware funzionanti al mix di Windows su Chromebook, ma non è proprio questo ciò che è interessante. Invece, è più stimolante chiedersi perché si stia facendo tutto questo. Dopo aver chiuso l'intero progetto nel giugno del 2019, perché è in corso un nuovo, nuovo sforzo per fare qualcosa con Project Campfire?

Impegni recenti per Project Campfire

Quella parte non è chiara per ora. Tutti questi impegni sono di un singolo individuo, quindi forse l'intera faccenda è solo un progetto per animali domestici o qualcosa che deve essere risolto per il arrivo imminente delle app di Windows sui Chromebook tramite Parallels. Tuttavia, non sembra che la seconda teoria regga molto, poiché il contenitore Parallels è realmente responsabile dell'integrazione software/hardware tra i due sistemi operativi separati. Più o meno allo stesso modo, Android e Linux funzionano sui Chromebook senza bisogno di nulla di simile, quindi non sono sicuro che qualcosa raccolto da una vera configurazione dual boot aiuterebbe Google in alcun modo qui.

Allora perché, allora? Perché stiamo vedendo Project Campfire attirare l'attenzione? Per ora non possiamo dirlo. Tuttavia, lo stiamo sicuramente tenendo d'occhio di nuovo. Personalmente ritengo che il metodo del contenitore per fornire app di Windows in base alle necessità tramite il contenitore di Parallels sia al 100% la strada giusta da percorrere per gli utenti di G Suite che hanno bisogno solo di un paio di app di Windows per passare a Chrome OS a tempo pieno . Dover spegnere e riavviare ogni volta che è necessaria una singola applicazione Windows suona francamente goffo e terribile e non qualcosa che Google sarebbe troppo entusiasta di offrire. Ti faremo sapere quando ne sapremo di più.

Acquista i migliori Chromebook del 2020 finora su Chrome Shop

Condividi Con I Tuoi Amici :