[Aggiornato] Google non vende più musica che possiedi, ma il mondo nel suo insieme è andato avanti

Aggiornamenti

Condividere:

In streaming Ciao, Per quelli di voi che potrebbero non essere a conoscenza, Google non vende più musica che possiedi. Questo perché il mondo nel suo insieme è passato allo streaming. Mentre questo può essere visto come negativo da alcuni, in realtà è una cosa positiva. Questo perché lo streaming ti consente di avere accesso a una libreria musicale molto più ampia di quella che avresti se fossi solo in grado di acquistare brani a titolo definitivo. Inoltre, lo streaming è generalmente più conveniente rispetto all'acquisto di musica a titolo definitivo. Quindi, se sei una persona a cui piace ascoltare spesso la musica, lo streaming è sicuramente la strada da percorrere. Naturalmente, ci sono ancora alcuni svantaggi nello streaming. Ad esempio, se desideri ascoltare un brano o un album specifico che non è popolare, potrebbe essere difficile trovarlo su un servizio di streaming. Tuttavia, nel complesso, lo streaming è l'opzione migliore per la maggior parte delle persone.



Aggiornamento: Google Play Music non è più in grado di trasmettere agli altoparlanti intelligenti.

Google ha ufficialmente chiuso il suo Play Music Store a livello globale. Ciò significa che l'era dell'acquisto di brani musicali MP3 che puoi scaricare e possedere veramente, almeno da Google, è giunta al termine. Prima, rendevano estremamente difficile trovare musica nel Play Store seppellendola nel menu dell'hamburger invece di metterla in evidenza come una volta. Il team di YouTube Music ha iniziato a trasferire la tua raccolta personale di Google Play Music al suo servizio torna a maggio quando quest'ultimo ha cominciato a diminuire.

È strano persino scriverne nel 2020 perché mentre sono sicuro che ci sono molti ascoltatori di musica occasionali che potrebbero essere sconvolti da questa notizia poiché preferiscono possedere direttamente la propria musica, il mondo nel suo insieme è andato avanti. Non lo dico alla leggera, ma la musica in streaming è diventata uno stile di vita così comune ora che per noi gente comune, immagino sia difficile essere veramente lasciati per questo. Forse sono solo di nuovo stile, perché mentre archiviavo tutti i miei vecchi CD in Google Play Music nel 2011, quando il servizio è stato lanciato per la prima volta, me ne sono completamente dimenticato e ho semplicemente fatto clic sulla versione in streaming di quella canzone . Penso che il caricamento della musica, almeno per me, sia diventato una sorta di spazio di archiviazione gratuito di Google Drive esclusivamente per le tracce audio. Certo, un giorno potrebbero avere importanza se Google non funzionasse per qualche motivo, ma io uso Google Asporto per prendere periodicamente una copia di tutti i miei dati, quindi per la maggior parte sono invisibili per me. Inoltre, la mia mentalità è che li ho ascoltati più della mia parte, quindi quello che ho pagato per loro due decenni fa è già valso l'investimento. Lo streaming mi permette anche di esplorare nuovi gusti e sperimentare nuovi suoni senza limiti al prezzo di mangiare fuori una volta al mese.

Questo mette in dubbio coloro che preferiscono la musica di qualità superiore. Gli audiofili che ho incontrato di solito non si preoccupano nemmeno di siti di streaming come Youtube o Google Play Music, quindi lo menziono qui solo per dare credito al fatto che è ancora qualcosa che dovrebbe essere discusso. Ci sono siti di streaming ad alta fedeltà come Tidal disponibili per coloro che vogliono superare il confine tra qualità e convenienza, ma poiché io stesso non sono un audiofilo, non posso dire se queste offerte siano sufficienti o meno.

Per coloro che sono ancora interessati a trovare punti vendita in cui è possibile acquistare MP3 da possedere, l'iTunes store e Amazon li trattano ancora. Mentre stiamo assistendo alla morte degli MP3 di una grande azienda come Google, è importante notare che, nel loro insieme, fanno ancora parte della nostra cultura. I compact disc, d'altra parte, stanno facendo la fine del Dodo come piace ai grandi magazzini Best Buy ha scelto anni fa di smettere di portarli . Quelli che ne tengono ancora alcuni nel negozio li hanno relegati nei cassonetti degli affari dove c'è poco traffico pedonale. Se scegli di seguire il percorso di Youtube Music per rimanere all'interno dell'ecosistema di Google, i tuoi brani di Play Music sono già stati trasferiti e puoi caricare anche 100.000 dei tuoi, che è il doppio di quanto offerto da Google Play Music. Speriamo che Youtube Music continui a migliorare le sue offerte con parità di funzionalità, in modo che possa conquistare coloro che hanno deciso che è inferiore al suo predecessore.

Condividi Con I Tuoi Amici :