Google chiude il Play Store per le sue cuffie Daydream VR ormai scomparse

Aggiornamenti

Condividere:

Google ha staccato la spina dal Play Store per il suo vecchio visore Daydream VR. La piattaforma di realtà virtuale è stata lanciata nel 2016 con grandi speranze, ma non è riuscita a guadagnare trazione ed è stata rapidamente messa in ombra da rivali come Oculus Rift e HTC Vive. Google ha ora smesso di offrire nuove app per Daydream e quelle esistenti smetteranno di funzionare il 1° dicembre.



Due anni fa, Google ha rinunciato al fantasma sul suo visore Daydream VR, ne ha ritirato lo stock rimanente dai negozi e ha deciso che non era più possibile visualizzare app ed esperienze di terze parti attraverso il visore utilizzando l'app Daydream. Ora, hanno fatto un ulteriore passo avanti e hanno eliminato il Google Play Store che normalmente troveresti in VR mentre indossi l'auricolare.

Credito: 9to5Google

Al momento, puoi ancora installare app VR dal normale Google Play Store , avviali e usali anche normalmente (supponendo che tu abbia un file auricolare compatibile ), ma non sarai più in grado di indossare il visore, aprire l'app Daydream e accedere al Google Play Store da lì senza ricevere un errore che dice Siamo spiacenti, si è verificato un problema. Lo stesso messaggio viene visualizzato se provi a cercare app nello store tramite l'app Daydream anche senza l'auricolare, tra l'altro.

Secondo il Utente reddit che ha fornito l'immagine sopra, Google non ha esattamente avvisato che ciò si sarebbe verificato prima di staccare la spina, sebbene il sito web per Daydream rimane operativo. Le informazioni di Daydream sono ospitate su Google Sito Web AR e VR . Una volta che la pagina è stata estratta, tutto ciò che rimarrà sono le informazioni su ARCore , (ovvero Google Maps Live View) e Obiettivo Google . Molte delle innovazioni VR dell'azienda (Tilt Brush, Poly, Spedizioni ) vengono completamente chiuse o open-source e sta diventando sempre più chiaro che non è più un punto focale per loro.

Tuttavia, un giorno potremmo vedere il ritorno della realtà virtuale con Le iniziative WebXR di Google mettere radici con Chrome 88, qualcosa di cui abbiamo discusso di recente. Il visore Daydream non era perfetto, ma ha iniziato a crescere su di me come fanno tutti i prodotti Google poco prima che li abbandonino (tosse Google+ tosse tosse). Sarebbe sicuramente un ottimo componente hardware da abbinare a un Chromebook quando WebXR diventerà finalmente un obiettivo più importante, quindi per ora mi aggrapperò al mio hardware.

Condividi Con I Tuoi Amici :