Perché ho abbandonato i miei Google Pixel Buds per Apple AirPods Pro [VIDEO]

Recensioni

Condividere:

Se sei come me ed eri super eccitato per i Google Pixel Buds, solo per essere deluso dalle loro prestazioni poco brillanti, allora ti consigliamo di dare un'occhiata a questo video sul motivo per cui li ho abbandonati per Apple AirPods Pro. Gli AirPods Pro rappresentano un enorme miglioramento rispetto agli AirPods standard e offrono funzionalità con cui i Pixel Buds semplicemente non possono competere.



Per ragioni che vanno più in profondità di quanto mi interessi approfondire, quel titolo è stato un po' difficile da scrivere. Non odio Apple. Al contrario, in realtà apprezzo molto l'hardware di Apple su base regolare. So, ad esempio, che sono responsabili dello smartphone così come lo conosciamo. Hanno aperto la strada all'alta risoluzione, display colorati e corpi in alluminio nei laptop. Apple produce i migliori tablet che puoi acquistare e i gesti multi-touch che ci piacciono mentre scorriamo sui nostri dispositivi Android e Chrome OS devono in gran parte la loro esistenza all'iPhone e all'iPad. Apple ha molto a che fare con l'hardware e fa anche cose estremamente sconcertanti, ma Devo dare credito dove è dovuto.

Uno di quei posti è nello spazio degli auricolari wireless. Ammettiamolo: gli auricolari veramente wireless erano immondizia calda pre-AirPods. Tra la connettività traballante e le catastrofi con cavo (vedi i Pixel Buds originali per riferimento), l'auricolare veramente wireless non era un componente hardware realistico fino a quando Apple non ha presentato gli AirPods. Sebbene all'inizio ci si scherzasse sopra, la loro ascesa nel mercato ha rivoluzionato gli accessori audio wireless personali e ha spinto tutti, incluso Google, a farsi avanti e provare a competere.

Da questo, abbiamo avuto l'emergere di tutti i tipi di concorrenti per gli AirPods di tutti i tipi di produttori. Ho posseduto auricolari wireless da Mobvoi, SoundPeats, Amazon, Samsung, Jaybird, Razor, Apple, Google, Jabra, Sony, Skull Candy e JLab nel tempo da quando AirPods è diventato un prodotto. Ho resistito per un bel po 'di tempo prima di dare un vortice alla prima iterazione degli auricolari Apple, e dopo aver finalmente dato loro una possibilità onesta, ho odiato il fatto di aver aspettato così tanto. Dopo averli indossati per alcuni anni a questo punto, ci sono ancora pochi auricolari veramente wireless che si avvicinano al comfort, alla facilità d'uso e alla portabilità degli AirPod originali.

Acquista AirPods Pro su Chrome Shop

Gli AirPods sono fantastici, ma voglio più funzionalità

Ultimamente, tuttavia, sono arrivate alcune altre funzionalità in altri auricolari che mi hanno fatto guardare altrove. Ad esempio, Mobvoi Ticpods ANC e Amazon Echo Buds offrono entrambi una buona riduzione del rumore, mentre gli auricolari Razor Hammerhead offrono un audio praticamente senza ritardi per i giochi. È fantastico finché non si considera che le soluzioni Ticpods e Amazon hanno custodie troppo grandi per essere tascabili, mentre gli auricolari Razor mi danno una custodia elegante senza cancellazione del rumore e senza alcun comfort. Gli Amazon Echo Buds sono comodi, ma sono in ritardo come un matto. Anche i Ticpods ANC non sono eccezionali in termini di comfort.

Allora, cosa sto cercando, allora? Bene, il mio auricolare ideale avrebbe un custodia piccola e tascabile, bassa latenza per video e giochi, audio eccezionale, comfort per ore, profilo ridotto, connessioni forti, controlli wireless di base e una sorta di cancellazione o isolamento del rumore. Speravo sinceramente che i Google Pixel Buds fossero tutte queste cose, ma mentre sono abbastanza vicini, ci sono problemi. Per prima cosa, la latenza è la peggiore che abbia mai sentito su qualsiasi auricolare wireless senza contest. In secondo luogo, per le mie orecchie, fanno semplicemente male dopo circa un'ora di utilizzo. Infine, ci sono stati alcuni problemi di connettività significativi su cui Google sta lavorando, ma che sono ancora presenti in qualche forma. In poche parole, i Pixel Buds sono caduti nella stessa trappola degli altri auricolari: ottenere una parte dell'equazione giusta mentre mancano del tutto alcuni pezzi piuttosto significativi.

Come puoi vedere dal mio elenco di tentativi di auricolari, ho provato molti dispositivi mentre cercavo l'unico set che potesse fare tutto ciò che volevo. Sono stato sviato e influenzato da ogni nuovo arrivato sul mercato e inseguito un tentativo dopo l'altro. Per tutto il tempo ho guardato oltre l'unico set che, in fondo alla mia mente, sapevo che probabilmente sarebbe stato in grado di fornire tutto ciò che stavo cercando: gli AirPods Pro.

Questi auricolari suonano in modo fantastico e sono facilmente i boccioli più comodi che abbia mai indossato. Rimangono connessi più lontano di qualsiasi altro auricolare wireless che possiedo e si infilano in una tasca senza essere notati. Non hanno praticamente alcun ritardo su iOS/Android/Chrome OS e hanno controlli di base sugli stessi auricolari per riprodurre/mettere in pausa, saltare e attivare o disattivare ANC. Hanno una modalità pass-through incredibilmente buona che fa quasi sembrare che non li indossi affatto e hanno abbastanza cancellazione del rumore che posso escludere il mondo esterno quando ne ho bisogno con una rapida pressione dell'auricolare .

Fanno tutto ciò che stavo cercando in un auricolare wireless e devo ammettere che li amo completamente. È una sensazione incredibile tirare fuori un paio di auricolari wireless dalla tasca e sapere che posso usarli per qualsiasi situazione. Che si tratti di portare a termine il lavoro soffocando il mondo esterno, partecipare a una partita veloce di PUBG Mobile o saltare sul Peloton per sudare durante un allenamento: gli AirPods Pro consegnano semplicemente ogni volta. Si connettono e si spostano tra tutti i miei dispositivi dal mio telefono OnePlus al mio Acer Chromebook e anche al mio iPad Mini, quindi non c'è motivo reale per saltarli per paura che non funzionino con hardware non Apple. Finalmente ho trovato l'unico set di auricolari che porto ovunque e uso costantemente e per quanto vorrei che questa fosse l'esperienza che Google avrebbe offerto, è tempo di ammettere semplicemente che non l'hanno fatto.

AirPods Pro ha anche alcuni aspetti negativi

Per quanto io sia su questi ragazzini, ci sono alcuni problemi reali con loro che alcuni utenti non vorranno affrontare. Il primo è il prezzo. Per molti di voi, l'idea di un set di auricolari da $ 249 suoni ridicolo. Gioco di parole voluto. Anche se non faccio ossa sul fatto che questi auricolari siano costosi, devo ammettere che sento che ne valgono la pena. Negli ultimi anni ho provato molti auricolari che sparano tutti per questo tipo di esperienza e tutti non sono all'altezza. Le uniche altre cuffie su cui ho speso questo tipo di denaro sono le Bose QC35 II e, ancora una volta, consegnano e basta. Ho fatto esattamente la stessa cosa anche con loro, provando cuffia dopo cuffia per ottenere qualcosa alla pari con il comfort, il suono e la sensazione delle QC35 II. Eppure, alla fine, ho finito per acquistare il Bose. Dovevo solo dimostrare a me stesso che i Bose erano in realtà molto meglio della concorrenza proprio come ho fatto con AirPods Pro. In entrambi gli scenari, è assolutamente così.

Un secondo svantaggio è più che altro un fastidio, ma vorrei davvero che Apple avesse abbandonato la porta Lightning e optato per USB di tipo C. La maggior parte del loro altro hardware 'pro' lo ha fatto, quindi sarebbe molto più conveniente se gli AirPods Pro si carica anche tramite la porta ora standardizzata. Per fortuna, sono dotati di ricarica standard Qi wireless, quindi qualsiasi caricabatterie wireless o telefono con ricarica wireless inversa li completerà abbastanza rapidamente.

Infine, Airpods Pro non funziona con altri assistenti come Google Assistant o Alexa. Per me, questo non è un grosso problema e ho già trovato un modo per aggirarlo. C'è un'app nel Play Store chiamata Assistant Trigger che puoi utilizzare per monitorare la batteria degli AirPods Pro e creare un pulsante dell'Assistente Google leggermente irregolare direttamente sugli auricolari. Sarò onesto, se colpire l'Assistente Google dai tuoi auricolari è la tua massima priorità, passerei qualsiasi cosa diversa dai Pixel Buds. Per me, l'integrazione dell'Assistente Google è piuttosto in basso nel mio elenco di funzionalità indispensabili, quindi non mi dispiace per niente.

Alla fine, la mia scelta di optare per AirPods Pro dopo tutto questo tempo si riduce semplicemente al fatto che lo sono l'unica opzione attualmente disponibile che offre tutto ciò che voglio davvero negli auricolari wireless. Sì, sono costosi, ma consegnano la merce. Se stai cercando auricolari che suonino alla grande, si sentano benissimo, rimangano connessi, siano realizzati con cura, riducano al minimo il ritardo e si adattino facilmente alla tua tasca, allora potresti dover semplicemente sborsare i soldi per ottenere gli unici che offrono tutto questo in un unico pacchetto. Altri potrebbero venire - spero che lo facciano - ma potrebbe passare del tempo prima che qualcun altro metta insieme tutti i pezzi come ha fatto Apple. Per me, almeno, questi sono stati soldi ben spesi.

Acquista AirPods Pro su Chrome Shop

Condividi Con I Tuoi Amici :